Sicurezza

ESODO ESTIVO 2014: TRAFFICO IN “PROFONDO ROSSO”, MA NIENTE BOLLINO NERO

ESODO ESTIVO 2014: TRAFFICO IN “PROFONDO ROSSO”, MA NIENTE BOLLINO NERO

ESODO ESTIVO 2014: TRAFFICO IN “PROFONDO ROSSO”, MA NIENTE BOLLINO NERO

Gli italiani si spostano per pochi giorni, e mediamente per non oltre 100 km. Le previsioni Anas per il traffico estivo 2014, confermano come gli impressionanti spostamenti di massa, che decenni fa intasavano inevitabilmente strade e autostrade, siano ormai consegnati alla storia. Sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria permangono un solo cantiere di 4 km, tra Lauria e Laino Borgo, e una riduzione a tre corsie tra Lagonegro e Scilla. Su tutta la rete Anas, per tutto il periodo estivo, vi saranno solo 5 cantieri in autostrada, cui se ne aggiungono 13 sui raccordi e 184 sulle statali.

 Per garantire la sicurezza stradale l’Anas ha anche esteso la rete di Vergilius: il sistema di controllo della velocità media, già adottato sulle SS Aurelia (Lazio), Domiziana (Campania) e Romea (Emilia-Romagna), opera anche sui primi 52 km della A3 e nella SS Sorrentina (Galleria S. Maria di Pozzano). I maggiori picchi di traffico sono attesi sulla E45, sulla Romea, ai valichi nella zona di Trieste, sulle consolari Aurelia e Appia, sulla statale 16 Adriatica, sulla 106 Jonica, sulla A3 Salerno-Reggio Calabria, sulla strada statale 125 e sulla strada statale 131 ‘Carlo Felice’, in Sardegna e sulle principali arterie siciliane. Il calendario completo dei giorni di traffico intenso è consultabile su www.stradeanas.it.

Fonte : Automobilismo.it 

 

Continental: nuovi pneumatici con sensori di usura

 Continental: nuovi pneumatici con sensori di usura

Continental: nuovi pneumatici con sensori di usura

Continental ha presentato degli pneumatici “intelligenti” dotato di sensori in grado di rilevare l’usura del battistrada.

Gli pneumatici del futuro non si limiteranno ad avvisare il conducente riguardo alla pressione di gonfiaggio, come avviene attualmente, ma saranno anche in grado di fornire indicazioni relative allo stato di usura del battistrada, il quale, per legge, non deve mai essere inferiore a 1,6 millimetri (ma è consigliabile non scendere sotto 3 millimetri per le gomme estive e sotto i 4 millimetri per quelle invernali). Continua la lettura

Crash test Euro NCAP per le microcar: è allarme sicurezza

Crash test microcar: è allarme sicurezza

Crash test microcar: è allarme sicurezza

Euro NCAP ha sottoposto per la prima volta a crash test alcune microcar con risultati che mettono in evidenza una scarsa protezione generale

Gli ultimi crash test di Euro NCAP hanno puntato per la prima volta l’attenzione sullasicurezza delle microcar, mettendo in evidenza come la protezione di questi veicoli sia inferiore a quella assicurata dalle automobili.

Ad essere provati da Euro NCAP sono stati quattro modelli di quadricicli pesanti come la Tazzari Zero, la Ligier IXO JS Line 4 posti, la Club Car Villager 2+2 LSV e la Renault Twizy 80. Le prove di impatto hanno messo in evidenza una protezione talmente precaria per i passeggeri che nel suo comunicato l’ente europeo ha parlato di “gravi problemi di sicurezza“.  Continua la lettura

Intel

Intel

Intel

Ecco i piani per auto connessa e guida autonoma

Ricerca, nuove alleanze con Costruttori e filiera, una nuova piattaforma hardware-software espressamente dedicata all’auto connessa. Dopo aver investito, nel 2012, 100 milioni di dollari nel futuro delle quattro ruote (guida autonoma inclusa), Intel si appresta a fare un altro passo verso le tecnologie che collegheranno i veicoli all’Internet delle cose.

L’hardware. La strategia del colosso americano per l’industria automotive è stata presentata questo pomeriggio da Doug Davis, Corporate vice presidente general manager della divisione che si occupa dell’Internet of things. La prima novità è l’arrivo di Intel In-Vehicle Solutions, una famiglia di hardware e software per l’auto connessa che andranno a costituire un’unica piattaforma pronta per essere integrata nei veicoli: basata su un processore Atom E3800, la nuova architettura – scalabile in base alle esigenze dei Costruttori – sarà in grado di gestire grafica, connettività e multimedia (con video HD fino a 1080p e Dolby 5.1). Continua la lettura

General Motors

General Motors

General Motors

Pronto il sistema che “obbliga” a mettersi le cinture

Mentre si fanno sempre più grandi gli sforzi per gestire i richiami relativi ai blocchetti di accensione e gli altri in corso (29 in tutto su circa 13,6 milioni di veicoli in America), laGeneral Motors corre ai ripari in tema di sicurezza annunciando una rivoluzionaria decisione.

Nuovo dispositivo. Su alcuni modelli 2015 sarà infatti proposto un dispositivo che impedirà di guidare, bloccando il cambio automatico nella posizione Parking, fino a quando i passeggeri presenti a bordo non avranno tutti allacciato le cinture di sicurezza. L’annuncio ufficiale conferma che i veicoli selezionati, per inciso GMC SierraChevrolet Cruze,Chevrolet Colorado e Chevrolet Silverado, potranno essere dotati di questo dispositivo come opzione gratuita.

La General Motors incoraggerà i clienti a installare il sistema per riceve un feedback e perfezionarne l’utilizzo in vista della applicazione su tutte le vetture prodotte. I sensori utilizzati sono quelli presenti nei sedili, gli stessi che abilitano l’utilizzo degli airbag in base alla presenza dell’occupante valutandone il peso per dimensione al meglio il cuscino in caso di incidente.

Fonte : Quattroruote.it

https://plus.google.com/u/0/+PetroliniRentnoleggiolungotermine/posts/p/pub

Cassazione: abbandonare l’auto è un reato penale

Cassazione: abbandonare l'auto è un reato penale

Cassazione: abbandonare l’auto è un reato penale

Lasciare in un’area pubblica un’auto in disuso è un reato perseguibile penalmente. La conferma arriva da una sentenza della Cassazione.

Abbandonare la carcassa di un’automobile in disuso in un luogo non idoneo non è solamente un comportamento incivile, come il buon senso fa intendere, ma è anche un reato perseguibile penalmente.

A sancirlo è stata la Cassazione con la sentenza n. 20492 depositata dalla terza sezione penale. Con questo pronunciamento la Corte Suprema ha confermato la pena inflitta dal Tribunale di Termini Imerese (PA) ad un cittadino riconosciuto colpevole del reato previsto dall’articolo 6 della l.n. 201/2008.   Continua la lettura

Pneumatici invernali – Ultimo giorno per montare le gomme estive

Pneumatici invernali - Ultimo giorno per montare le gomme estive

Pneumatici invernali – Ultimo giorno per montare le gomme estive

Per molti automobilisti, oggi è l’ultimo giorno utile per smontare i pneumatici invernali e rimontare gli estivi. Da domani, infatti, chi circola con gomme invernali aventi codice di velocità inferiore a quello indicato nella carta di circolazione è passibile di una sanzione di 419 euro, oltre all’obbligo di ripristino della vettura alle condizioni prescritte.

Cosa dice la legge. L’obbligo deriva dal fatto che per il solo impiego stagionale dei pneumatici invernali è ammessa una deroga al codice di velocità, che può essere inferiore a quello indicato nel libretto, purché pari almeno a Q (160 km/h). Per impiego stagionale s’intende quello fissato dalla direttiva sulla circolazione stradale nel periodo invernale emessa dal Ministero dei trasporti il 16 gennaio 2013, che va dal 15 novembre al 15 aprile; successivamente, con la circolare n° 1049 del 17 gennaio 2014, il Ministero ha concesso un mese di tolleranza prima e dopo tale periodo per dar modo di sostituire i pneumatici. Quindi, dal 16 maggio al 14 ottobre non è più consentita la circolazione con pneumatici M+S con codici di velocità inferiori a quelli riportati in carta di circolazione.

Invernali anche d’estate. D’altra parte, si deduce che è ammesso l’utilizzo delle gomme invernali anche d’estate se esse hanno codice di velocità uguale o superiore a quello del libretto. Vista la minore aderenza dei pneumatici winter rispetto agli estivi alle temperature elevate, è vivamente consigliabile ricorrere a quest’ultimi.

Fonte Quattroruote.it

https://plus.google.com/u/0/+PetroliniRentnoleggiolungotermine/posts/p/pub

Irlanda – Cellulare alla guida, ci sarà anche il carcere

Cellulare alla guida, ci sarà anche il carcere

Cellulare alla guida, ci sarà anche il carcere

Tempi duri per gli irlandesi che si azzarderanno a usare il cellulare durante la guida: il primo maggio entreranno infatti in vigore nuove norme che prevedono multe salatissime (dai mille ai duemila euro) e persino il carcere per i recidivi.

La stretta. Come riferisce il quotidiano The Irish Times, il pugno di ferro mette da parte la decurtazione dei punti e istituisce un sistema di multe severissime, stabilendo la strada del tribunale per chiunque sia sorpreso a scrivere messaggi o ad “accedere alle informazioni” di un cellulare  mentre è alla guida. La stretta mette al bando anche i kit e le interfacce hands free. Continua la lettura