Richiedi preventivo gratuito

Accordo Enel-Conad, il supermercato del futuro è già qui

Grazie all’accordo Enel-Conad, ricaricare le vetture elettriche è facilissimo: 250 stazioni nei parcheggi, entro il 2018. Come agevolare l’investimento di un’autovettura elettrica? Semplice: aumentando il numero delle centrali di ricarica e favorendone l’accessibilità intercettando gli spostamenti e le esigenze dei

Pubblicato il 19 dicembre, 2017

Grazie all’accordo Enel-Conad, ricaricare le vetture elettriche è facilissimo: 250 stazioni nei parcheggi, entro il 2018.

Come agevolare l’investimento di un’autovettura elettrica?

Semplice: aumentando il numero delle centrali di ricarica e favorendone l’accessibilità intercettando gli spostamenti e le esigenze dei clienti. Senza incremento di costi e tempi.

L’idea è venuta a due aziende dal core business differente che hanno scelto di unire le loro sinergie e scendere in campo a braccetto fornendo un unico servizio, risultato di una strategia comune. Di chi si tratta? Dell’Enel naturalmente e della Conad, leader nel settore della grande distribuzione alimentare. Dal brainstorming aziendale sono emerse criticità in grado di accomunare le due imprese o meglio i clienti di ciascuna di esse che si sono rivelati, in seguito ad un’attenta e dettagliata analisi, utenti dell’una e dell’altra. Da qui, l’intuizione è stata consequenziale: dotare i parcheggi pertinenziali dei punti vendita Conad delle stazioni di ricarica.

Di che numeri stiamo parlando? 250 colonnine in grado di mappare il territorio italiano in modo omogeneo, distinte in Pole Station (210 campioni) e Fast Recharge (le rimanenti 40): le prime possono ricaricare un’auto in circa un’ora; le seconde riescono a fare il pieno anche più in fretta, come il nome stesso suggerisce.

L’obiettivo delle due aziende è fornire il bacino d’utenza delle stazioni sopraddette entro il 2018: al momento, Conad conta su 38 distributori di carburante tradizionale mentre una prima struttura d’avanguardia è stata istallata al supermercato Conad di Altopascio (in provincia di Lucca), intervento che rientra nel progetto Eva+ cofinanziato dalla commissione europea, coordinato da Enel e relativo ai percorsi extraurbani.

La rivoluzione è in atto e il futuro è già qui: dotare i parcheggi di tali servizi incoraggia i clienti ad essere consumatori consapevoli e soprattutto rispettosi del loro tempo: ricaricare l’auto elettrica non è mai stato così facile!

Una risposta ad ogni domanda

Stella S.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019