Richiedi preventivo gratuito

Cellulari al volante, inasprimento multe?

Bocciata la proposta per l’inasprimento delle multe e per la sospensione della patente La proposta prevedeva l’inasprimento delle multe e la sospensione della patente già alla prima infrazione, per chi utilizza lo smartphone ( cellulari ) alla guida. L’aumento della

Pubblicato il 13 dicembre, 2017

Bocciata la proposta per l’inasprimento delle multe e per la sospensione della patente

La proposta prevedeva l’inasprimento delle multe e la sospensione della patente già alla prima infrazione, per chi utilizza lo smartphone ( cellulari ) alla guida. L’aumento della sanzione si riferiva alla perdita di 10 punti dalla patente rispetto ai 5 punti attuali. La proposta è stata bocciata a pochi giorni dall’approvazione in commissione Trasporti della Camera. Questi sono i dati di fatto. Rilevazioni e studi ci informano, intanto, che tre incidenti su quattro sono provocati dalla distrazione, distrazione dovuta la maggior parte delle volte dall’uso dei cellulari al volante.

Ci chiediamo ora, ci poniamo la domanda: è stata una mossa giusta bocciare tale proposta di legge? Gli italiani alla guida temono un richiamo, temono i 5 punti sulla patente in meno, o temono forse l’immediato ritiro della patente? La proposta è stata definita ‘inammissibile’ ed ‘estranea’, forse esagerata? È esagerato probabilmente minacciare gli italiani con un ritiro di patente per una tale infrazione? O è giusto, per salvaguardare la loro stessa vita? La legge odierna stabilisce la sospensione del documento di guida solo alla seconda infrazione nell’arco di due anni.

Gli addetti ai lavori si lamentano e affermano che non è mai stato semplice accertare un primo ‘richiamo’, ed è raro che un conducente venga ‘pizzicato’ due volte in un anno col cellulare in mano.. Mentre alcune persone si lamentano di tale bocciatura, alcuni altri la definiscono ‘esagerata’ o anche ‘stupida’. Non vorrei sbilanciarmi con giudizi e critiche, ma non sono del tutto sicura che un inasprimento della legge avrebbe realmente migliorato la situazione: forse, da conducenti, dovremmo solo metterci una mano sulla coscienza, pensare di più e renderci più responsabili alla guida. In fondo lo sappiamo, la sicurezza alla guida è importante, per noi stessi e per coloro che ci circondano.

Una risposta ad ogni domanda

Karina G.

 

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019