Richiedi preventivo gratuito

Colonnine Multistandard – La rete delle ricariche elettriche va in corto

 Carenze di erogatori e mappe: il disagio è al collasso Colonnine Multistandard – Perché non decolla il mercato delle automobili elettriche in Italia? In tanti, tra esperti e curiosi, si sono posti tale quesito ma solo di recente è emersa

Pubblicato il 10 marzo, 2018

 Carenze di erogatori e mappe: il disagio è al collasso

Colonnine Multistandard – Perché non decolla il mercato delle automobili elettriche in Italia? In tanti, tra esperti e curiosi, si sono posti tale quesito ma solo di recente è emersa in maniera inequivocabile la risposta. Pare che, alla mancanza di agevolazioni si aggiunga la piaga della rete di ricarica che risulta carente e insufficiente in termini sia quantitativi sia qualitativi. La Commissione italiana veicoli elettrici stradali (Cei-Cives), che ha diffuso i dati raccolti e aggiornati alla primavera del 2016, dichiara che le colonnine ad oggi disponibili sul territorio italiano siano 2007 (escludendo i modelli più evoluti e destinati alle ricariche veloci con erogazioni superiori ai 50 e ai 120 kW, di proprietà Tesla) delle quali sono una piccola percentuale, corrispondente a 211 campioni, ha una capacità di erogazione di 22 kW a dispetto della maggior parte (ben 1796) con potenze inferiori.

Lo scenario così descritto evidenziante un numero di colonnine dall’erogazione lenta è oltresì peggiorato dall’assenza di erogatori lungo le autostrade e alla carenza di uno standard di ricarica che consenta la compatibilità e dunque l’impiego degli erogatori disponibili da parte di tutte le automobili, diversificate nei modelli e negli attacchi. Di fatto le colonnine multistandard, disponibili di connettori Mennekes, CCS Combo 2 e CHAdeMO, esistono ma sono pochissime e dislocate in maniera non efficace sul territorio nazionale e/o di significativo flusso relativamente al quale manca tuttavia persino una mappa che ne favorisca l’orientamento e l’accessibilità ai driver, costretti a rivolgersi all’uso di internet e all’ausilio di app specifiche quali Next Charge, Charge Map, Evway.

In termini invece di gestione, l’ente che ha la meglio sul controllo della rete è l’Enel che ha all’attivo 850 colonnine; privatamente invece si distinguono piccole realtà che hanno investito su tale progetto e hanno finanziato la collocazione di erogatori lungo le aree di sosta dei centri commerciali, ai quali sono ahimè dipendenti in termini di orari di apertura e chiusura. Si aspetta allora una revisione di tutto il sistema che agevoli il driver senza incrementarne spese e procedure, nel rispetto dell’ambiente e dell’ecosistema.

Una risposta ad ogni domanda

Stella S.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019