Richiedi preventivo gratuito

A Dubai la Polizia arriva con la moto volante

Moto volante alle Forze dell’ordine, in sella per inseguimenti tra dune e grattacieli. Gli Emirati, si sa, sono noti per quel mix sorprendente di tradizione e innovazione che,  invadendo tutte le sfere della cultura, modifica usi e costumi della quotidianità.

Pubblicato il 6 marzo, 2018

Moto volante alle Forze dell’ordine, in sella per inseguimenti tra dune e grattacieli.

Gli Emirati, si sa, sono noti per quel mix sorprendente di tradizione e innovazione che,  invadendo tutte le sfere della cultura, modifica usi e costumi della quotidianità. L’ultima novità in fatto di mezzi di trasporto arriva da Dubai e consiste nell’introduzione di un moto-veicolo alimentato come un drone e destinato alle forze dell’ordine. Munito di quattro eliche, mostra un asse di rotazione verticale che si poggia su una plancia dalla forma rettangolare di 1 metro e mezzo per 1 metro al centro della quale sono collocati i motori e il sedile equipaggiato di manubrio per la guida.

La moto volante ha da sempre suscitato fantasie alimentate da film come James Bond, poi però tradotte in tentativi pratici: i russi sono stati i primi a realizzarla battezzandone il prototipo con il nome di “Scorpion 3” e destinato, nella versione cargo, al trasporto merci per un carico pari a quasi 100 kg. Oggi però la notizia che arriva da Dubai sembra sbaragliare tutti i tentativi precedenti perché non si tratta di un test o una sperimentazione fine a se stessa bensì dello step primario di un progetto di fattibilità sul quale convergono investimenti importanti e relativi a discipline come scienza e tecnica nonché marketing e comunicazione.

La moto volante ha dell’incredibile e del sensazionale ed è in linea alla visione avveniristica che gli Emirati intendono alimentare e divulgare: non si tratta di comprendere se necessaria ossia se non esiste ad oggi alcun mezzo in grado di esplicitare la funzione per la quale è stata elaborata quanto prendere atto del suo straordinario impatto nell’immaginario collettivo. Da oggi allora, gli inseguimenti in aria e i poliziotti in fase di lievitazione da terra non saranno solo patrimonio esclusivo delle fantasie cinematografiche più spettacolari ma apparterranno a un luogo e un tempo che è quello dell’Emirato Dubai 2018.

Una risposta ad ogni domanda

Stella S.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019