Richiedi preventivo gratuito

Guida autonoma – Al via i test

Self driving e smart road: l’Italia parla internazionale.    Guida autonoma – Al via i test – Dopo Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, finalmente anche in Italia, arriva il “self driving”. Niente panico, sebbene la terminologia inglese disorienta, la

Pubblicato il 2 maggio, 2018

Self driving e smart road: l’Italia parla internazionale.   

Guida autonoma – Al via i test – Dopo Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, finalmente anche in Italia, arriva il “self driving”. Niente panico, sebbene la terminologia inglese disorienta, la traduzione in italiano potrebbe non semplificare né alleggerirne il significato effettivo. Perché se letteralmente si parla di “guida autonoma”, praticamente si intende l’impiego di autovetture munite di pilota automatico ossia in grado di assolvere la funzione di veicolo capace di accendersi, spostarsi, svoltare, sorpassare, frenare, giungere a destinazione, parcheggiare da solo senza l’ausilio e la supervisione di un umano.

Paura e ammirazione, sconcerto e fascino nei confronti di una vettura che di fatto si comporta come un essere indipendente e intelligente, figlia com’è della tecnologia più evoluta e applicata, risultato di anni di ricerca. La sperimentazione, diffusa in tutto il mondo, è giunta adesso in Italia: la notizia è stata resa nota da Graziano Delrio che, con la sua carica di Ministro dei Trasporti, si è fatto portavoce di un decreto che sottende una scelta importante necessaria a stare al passo coi tempi e, nello stesso tempo, interprete della volontà degli Italiani, desiderosi e curiosi di avviare una nuova pagina della loro storia culturale.

C’è però da dire che in questa prima fase, i test di valutazione non potranno essere effettuati ovunque e senza alcuna restrizione: al contrario, è innanzitutto necessaria l’autorizzazione del Ministero tramite apposita procedura, resa nota attraverso portali ad hoc; inoltre, la sperimentazione potrà essere effettuata solo su delimitati tratti stradali, selezionati e circoscritti in funzione di specifici parametri tra cui emerge la sicurezza. Perché è vero che il decreto ha aperto letteralmente la strada alla sperimentazione pubblica ma questa rimane pur sempre un luogo pieno di insidie nel quale salvaguardare la vita è la priorità e la rivoluzione tecnologica deve inevitabilmente sposarsi con i tentativi step by step.

Una risposta ad ogni domanda

Stella S.

Fonte Video : RAI

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019