Richiedi preventivo gratuito

Revisione auto: nuove regole anche in Italia.

Controlli più severi, dati più trasparenti. Revisione auto – Le revisioni dei veicoli motorizzati hanno nuove regole: il 2018 ha portato con sé nuovi parametri d’idoneità in termini di sicurezza, isolamento ed inquinamento. A dire il vero le rettifiche sono

Pubblicato il 8 maggio, 2018

Controlli più severi, dati più trasparenti.

Revisione auto – Le revisioni dei veicoli motorizzati hanno nuove regole: il 2018 ha portato con sé nuovi parametri d’idoneità in termini di sicurezza, isolamento ed inquinamento. A dire il vero le rettifiche sono state introdotte nel 2014 tramite una direttiva europea inerente l’argomento ma la normativa italiana ha subito solo l’anno scorso tali variazioni con la conseguenza di rendere il sistema di controllo più severo. A esplicitarne la mansione sono gli addetti, tecnici incaricati in potere persino di revocare la licenza qualora non rispondesse ai parametri previsti.

Gli immediati beneficiari delle rettifiche di cui detto sono gli utenti tutti, venditori e acquirenti; nel dettaglio, le nuove regole hanno l’obiettivo di scoraggiare coloro che, nel tentativo di vendere la propria auto usata, procedono con alterare i chilometri della stessa riducendoli così da giustificarne l’innalzamento del prezzo di vendita e ingannando il potenziale acquirente. Maggiore trasparenza dunque per tutti perché i dati saranno trasferiti non solo sul documento unico di circolazione (inteso come la sintesi del certificato di proprietà e della carta di circolazione) ma pubblicamente sul “Portale dell’Automobilista”: la regolarità dell’automobile e di tutte le verifiche in essa fatte sono prova ufficiale e universale della regolarità della vettura e del o dei suoi proprietari.

Revisione auto con procedure pulite e corrette, infatti, non solo valorizzano l’auto ma la sua proprietà esentandola da una fedina compromessa giacché modificare l’identità della vettura è un reato a tutti gli effetti, riconosciuto dalla legge e da questa punibile. La nuova revisione allora si erge a filtro esplicativo di correttezza essendo lo specchio di tutte le prove, eseguite sul mezzo di cui verrà messo a conoscenza anche il Ministero dei Trasporti, a differenza di quello che è stato fatto finora con la trascrizione esclusiva sul libretto di circolazione. I luoghi ove effettuare la revisione sono le officine autorizzate oltre ovviamente la Motorizzazione Civile, nella scadenza temporale pari a ogni due anni.

Una risposta ad ogni domanda

Stella S.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019