Richiedi preventivo gratuito

Fattura elettronica, addio timbri, solo moneta elettronica!

Dall’estate 2018, rifornimenti deducibili solo se tracciati. Fattura Elettronica – Il 2018 si prospetta come un anno ricco di novità in ambito automobilistico. Se da una parte molti brand investono su lanci di modelli d’auto, dall’altra il governo sforna provvedimenti

Pubblicato il 26 gennaio, 2018

Dall’estate 2018, rifornimenti deducibili solo se tracciati.

Fattura Elettronica – Il 2018 si prospetta come un anno ricco di novità in ambito automobilistico. Se da una parte molti brand investono su lanci di modelli d’auto, dall’altra il governo sforna provvedimenti legislativi su più fronti in grado di regolarizzare le gestioni, e le relazioni, connesse a questioni burocratiche e amministrative.

La Legge di Bilancio del 2018 impone, a partire dal 1° luglio, la fatturazione elettronica per i rifornimenti dei veicoli.

In pratica, tutti coloro che utilizzano l’auto come mezzo di lavoro (imprese e professionisti con partita Iva), non potranno più usufruire dei timbri sulle carte carburante. Di conseguenza, si dovrà provvedere al pagamento (dei carburanti e dei lubrificanti) in modo elettronico ossia con bancomat, carta prepagata, carta di credito o debito.

Una vera e propria rivoluzione, unica nel suo genere e in grado di alterare le abitudini dei driver e gli equilibri dei sistemi di rifornimento che fino adesso non avevano mai ricevuto un’ordinazione dall’alto che definisse una sola modalità di pagamento. Tali novità, riportate con le dovute specifiche ai commi 922 e 923, sono state elaborate per scongiurare le evasioni fiscali e le potenziali truffe relative all’uso dei veicoli.

La fattura elettronica, difatti, a differenza delle modalità fin ora impiegate, è l’unica in grado di garantire la tracciabilità e la sola, con la nuova legge, a consentire la deducibilità del costo e la detraibilità dell’Iva. Le colonnine dei carburanti allora avranno necessità di adeguarsi alla nuova legge e dovranno dotarsi di sistemi per l’emissione di fattura elettronica dalla procedura snella ed efficiente.

La preoccupazione ad oggi dei driver, infatti, è che i tempi dei rifornimenti si allunghino e che paradossalmente complichino la procedura invece di semplificarla. Rimane pertanto da aspettare l’avvento dell’estate 2018 per verificare come risponderanno i sistemi organizzativi e se saranno all’altezza di un cambiamento senza precedenti e destinato a passare nella storia del mondo automobilistico.

Una risposta ad ogni domanda

Stella S.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Noleggio Lungo Termine N1

Noleggio Lungo Termine N1

Perché il noleggio lungo termine N1  di un veicolo ?  perché sono detraibili al 100 % Lista Aggiornata a settembre 2020 Alfa Romeo ALFA ROMEO STELVIO N1 NEW Citroen CITROEN C3 AIRCROSS N1 CITROEN C4 CACTUS N1 CITROEN C5 AIRCROSS N1 Dacia

Pubblicato il 19 luglio, 2020
Audi 2020

Audi 2020 – Due novità e tante conferme

La casa Bavarese aggiorna il suo book di proposte con Audi 2020 Audi traccia la strada per il nuovo anno con l’annuncio di soluzioni dedicate alla mobilità e alle tecnologie di nuova generazione. Le novità più importanti della casa trapelano

Pubblicato il 21 marzo, 2020
Auto Autocarro N1

Auto Autocarro N1 – Elenco Detraibili al 100 %

Auto Autocarro N1 – il sogno diventa realtà, grazie alla detrazione totale Chi ha un’attività in proprio e sta pensando di cambiare l’automobile, non può non aver pensato ad immatricolarla come auto autocarro N1, i vantaggi sono enormi ovviamente ci

Pubblicato il 3 marzo, 2020
Be Free Pro Plus

Be Free Pro Plus – Aziendale con recesso anticipato senza penali

Scopri il noleggio aziendale be free pro plus, flessibile con recesso anticipato senza penali.  Incertezza nel lavoro, appalti di breve durata, specialmente nel noleggio a lungo termine, dove la durata non coincide con le nostre esigenze, la flessibilità aiuta a

Pubblicato il 2 marzo, 2020