Richiedi preventivo gratuito

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza

Legge Bilancio, per chi? Come?

La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito le controversie e le differenti interpretazioni: per zone Ztl si intendono anche le aree pedonali? Dunque le ibride e le elettriche potranno ora spostarsi ovunque, anche nelle zone dedicate fino ad ora solamente ai pedoni? No. Il sottosegretario ai Trasporti Michele Dell’Orco risponde alle perplessità e chiarisce la legge.

No alle ibride

Una modifica normativa abolirà il permesso alle ibride di varcare le Ztl, dunque gli unici mezzi che potranno spostarsi tranquillamente senza preoccuparsi delle zone Ztl, senza pagare alcuna tassa, saranno quelli totalmente elettrici. Questa manovra dunque, sembra voler semplicemente favorire il mercato dell’elettrico senza però affollare i centri storici delle città.

Le aree pedonali non sono coinvolte

La nuova legge non parla di aree pedonali. In queste zone potranno transitare, come sempre, solamente pedoni, biciclette, veicoli di persone con disabilità, mezzi delle forze di polizia e di soccorso. La nuova legge dunque non modifica assolutamente la definizione di ‘area pedonale’ fino ad oggi esistita e da tutti conosciuta. I due dubbi vengono così chiariti: la legge permetterà solamente ai VEICOLI ELETTRICI di transitare nelle zone Ztl, inoltre questa legge NON sarà valida per le aree pedonali. Nonostante i dubbi chiariti, le perplessità rimangono. È giusto aprire le zone Ztl ai veicoli elettrici? Servirà questo ad incentivare l’acquisto di questi ultimi? O servirà solamente a creare maggiore caos e ad affollare molti centri storici italiani? Ogni qualvolta una nuova legge viene formulata, le risposte e le idee rispetto ad essa sono differenti. Anche gli stessi sindaci delle città sembrano reagire diversamente ad ognuna di esse. Siamo curiosi ora, di sentire la vostra idea a riguardo!

Una risposta ad ogni domanda

Karina G.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019
Si parla ancora di Tutor: nove apparecchi vengono riattivati

Si parla ancora di Tutor: nove apparecchi vengono riattivati

 Una vicenda che va avanti da molto e che andrà avanti ancora per almeno altrettanto tempo.. perché? Un caso apparentemente infinito Ne avevamo già parlato, ci ritroviamo ancora a parlarne: il 10 aprile 2018 il tribunale dava ragione all’azienda toscana.

Pubblicato il 18 dicembre, 2018