Richiedi preventivo gratuito

Telepass novità in arrivo ( Estero compreso )

Finalmente da gennaio 2018, Telepass novità, attivo anche all’estero L’evoluzione di Telepass continua. Inizialmente, l’apparecchio aveva una sola funzione: quella di semplice oggetto utilizzabile per pagare il pedaggio autostradale senza fermarsi, senza fare file e senza avere scocciature. Ma dall’estate

Pubblicato il 19 dicembre, 2017

Finalmente da gennaio 2018, Telepass novità, attivo anche all’estero

L’evoluzione di Telepass continua. Inizialmente, l’apparecchio aveva una sola funzione: quella di semplice oggetto utilizzabile per pagare il pedaggio autostradale senza fermarsi, senza fare file e senza avere scocciature. Ma dall’estate scorsa, il servizio si sta evolvendo, l’obiettivo principale è quello di arrivare a fornire servizi di mobilità di tutti i tipi!

Dal pedaggio autostradale iniziale, ai parcheggi convenzionati fino alla possibilità di fare rifornimento in 120 aree di servizio autostradali e più di 900 distributori cittadini.

Ma tutto ciò a Telepass non basta: per gennaio 2018 si prospettano molte novità. A quanto ci indicano le fonti, verrà attivato il servizio di pagamento del car sharing, si potrà pagare il cibo in un locale drive-trough, si potranno pagare addirittura il lavaggio dell’auto e la prenotazione dei tagliandi della manutenzione delle auto.

La maggiore novità però, è rappresentata dall’estensione di Telepass a livello internazionale.

Questa è la news principale Telepass che molti clienti aspettavano con ansia. Si potrà utilizzare l’apparecchio all’estero, o almeno, nei paesi più visitati dagli automobilisti italiani: i clienti potranno pagare telematicamente il pedaggio in Francia, in Spagna e in Portogallo.

Le domande più comuni che subito spontaneamente sorgono sono: Ci sarà forse qualche aumento delle tariffe? Un pagamento maggiorato? Solo 2,4 € in più nel mese in cui l’apparecchio viene utilizzato in un paese estero. Inoltre, bisognerà cambiare l’apparecchio prima di poterlo utilizzarlo in altri stati? Si, chi vorrà utilizzarlo anche all’estero dovrà prima recarsi in un Punto Blu per farsi sostituire l’apparecchio.

A quanto pare, le evoluzioni del servizio non finiranno qui, l’azienda ci promette e ci parla dell’arrivo di una nuova generazione di Telepass, nel 2019 gli apparecchi saranno ancora più piccoli e dotati di un numero ancora maggiore di funzioni.

Attendiamo, fiduciosi e curiosi.

Una risposta ad ogni domanda

Karina G.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019