Richiedi preventivo gratuito

Se non ricordi l’autista, il verbale è out!

Accertare l’infrazione è una questione di memoria. Novità ufficiali nell’ambito del Codice della strada: per chiunque si trovasse a vivere in prima persona o a testimoniare un’infrazione o un incidente, è fondamentale dichiarare gli estremi dell’autista nell’esatto momento in cui

Pubblicato il 30 aprile, 2018

Accertare l’infrazione è una questione di memoria.

Novità ufficiali nell’ambito del Codice della strada: per chiunque si trovasse a vivere in prima persona o a testimoniare un’infrazione o un incidente, è fondamentale dichiarare gli estremi dell’autista nell’esatto momento in cui viene depositata la stessa infrazione. In definitiva, la Corte di Cassazione ha sancito, attraverso l’ordinanza n. 9555 del 2018, che il verbale debba essere correlato di tutte le informazioni utili a ricostruire il fatto e non è ammesso, ai fini dell’accertamento, l’integrazione di quelle in un tempo successivo.

Statisticamente, infatti, è stato verificato che i verbali riportino la carenza descrittiva di chi guidava la vettura fornendo così margini d’incertezza alla ricostruzione effettiva di quanto accaduto ed inficiando così l’esito del processo. In precedenza a tale rettifica, infatti, la normativa relativa alla notifica dei verbali consentiva la possibilità di rettificare e integrare la deposizione rilasciata entro 150 giorni.

In seguito, tali termini si sono ridotti del quasi 50%, esprimendosi nei 90 effettivi ed evidenziando a mano a mano quanto i tempi previsti si siano sempre più accorciati e lasciando nelle mani del giudice la valutazione di ogni caso tenendo conto non solo della qualità della deposizione ossia della ricchezza di dettagli e informazioni relative ma delle tempistiche entro le quali è stata fatta. Se ne deduce che esiti positivi, ossia a vantaggio di chi ha fatto la deposizione, siano dovuti non al fornire di alibi, giustificazioni e critiche nei confronti dell’”altro”, coinvolto nell’accaduto ma alla restituzione dei dati utili a ricostruire dinamiche e comportamenti, quali la patente del conducente e le caratteristiche dell’automobile, in termini di precisione e immediatezza rispettando cioè questioni connesse allo spazio e al tempo, e che favoriscono l’idoneità di chi è chiamato ad esprimere responsabilmente e imparzialmente il proprio giudizio.

Una risposta ad ogni domanda

Stella S.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Duro e puro Land Rover Defender

News – Duro e puro Land Rover Defender

Torna Land Rover Defender, il Suv che è entrato nel cuore di molti automobilisti, a partire dal 1948, data della sua comparsa. Prodotta sino al 2016, ha toccato quota due milioni di auto vendute ed è pronta a tornare ad

Pubblicato il 5 dicembre, 2019
La Baby Crossover targata Skoda è Kamiq

La Baby Crossover targata Skoda è Kamiq

Skoda Kamiq, la nuova baby crossover di Skoda, debutta con un look tutto nuovo e si aggiunge agli ultimi modelli della casa: Kodiaq, Karoq e Scala. Da quest’ultima, riprende meccanica e misure, essendo anch’essa a trazione anteriore ed avendo una

Pubblicato il 27 novembre, 2019
Eletric Intelligence Mercedes Eqc

Eletric Intelligence Mercedes presenta EQC

Mercedes EQC, arriva la prima SUV completamente elettrica della casa tedesca, targata EQ (‘Eletric Intelligence’) nuovo brand che ha debuttato per la prima volta al Salone di Parigi 2016. La nuova EQC dispone di due motori elettrici asincroni con una

Pubblicato il 22 novembre, 2019
Auto Elettriche

Auto elettriche a noleggio lungo termine

Guidare una vettura elettrica, soprattutto in una grande città, può rivelarsi una delle soluzioni migliori sia sotto il profilo economico che per il risvolto ecologico. Il noleggio a lungo termine di auto elettriche vi offre la possibilità di guidare il

Pubblicato il 15 novembre, 2019