Richiedi preventivo gratuito

Se non ricordi l’autista, il verbale è out!

Accertare l’infrazione è una questione di memoria. Novità ufficiali nell’ambito del Codice della strada: per chiunque si trovasse a vivere in prima persona o a testimoniare un’infrazione o un incidente, è fondamentale dichiarare gli estremi dell’autista nell’esatto momento in cui

Pubblicato il 30 aprile, 2018

Accertare l’infrazione è una questione di memoria.

Novità ufficiali nell’ambito del Codice della strada: per chiunque si trovasse a vivere in prima persona o a testimoniare un’infrazione o un incidente, è fondamentale dichiarare gli estremi dell’autista nell’esatto momento in cui viene depositata la stessa infrazione. In definitiva, la Corte di Cassazione ha sancito, attraverso l’ordinanza n. 9555 del 2018, che il verbale debba essere correlato di tutte le informazioni utili a ricostruire il fatto e non è ammesso, ai fini dell’accertamento, l’integrazione di quelle in un tempo successivo.

Statisticamente, infatti, è stato verificato che i verbali riportino la carenza descrittiva di chi guidava la vettura fornendo così margini d’incertezza alla ricostruzione effettiva di quanto accaduto ed inficiando così l’esito del processo. In precedenza a tale rettifica, infatti, la normativa relativa alla notifica dei verbali consentiva la possibilità di rettificare e integrare la deposizione rilasciata entro 150 giorni.

In seguito, tali termini si sono ridotti del quasi 50%, esprimendosi nei 90 effettivi ed evidenziando a mano a mano quanto i tempi previsti si siano sempre più accorciati e lasciando nelle mani del giudice la valutazione di ogni caso tenendo conto non solo della qualità della deposizione ossia della ricchezza di dettagli e informazioni relative ma delle tempistiche entro le quali è stata fatta. Se ne deduce che esiti positivi, ossia a vantaggio di chi ha fatto la deposizione, siano dovuti non al fornire di alibi, giustificazioni e critiche nei confronti dell’”altro”, coinvolto nell’accaduto ma alla restituzione dei dati utili a ricostruire dinamiche e comportamenti, quali la patente del conducente e le caratteristiche dell’automobile, in termini di precisione e immediatezza rispettando cioè questioni connesse allo spazio e al tempo, e che favoriscono l’idoneità di chi è chiamato ad esprimere responsabilmente e imparzialmente il proprio giudizio.

Edit by Stella S.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019
Si parla ancora di Tutor: nove apparecchi vengono riattivati

Si parla ancora di Tutor: nove apparecchi vengono riattivati

 Una vicenda che va avanti da molto e che andrà avanti ancora per almeno altrettanto tempo.. perché? Un caso apparentemente infinito Ne avevamo già parlato, ci ritroviamo ancora a parlarne: il 10 aprile 2018 il tribunale dava ragione all’azienda toscana.

Pubblicato il 18 dicembre, 2018
BOLLO 2019 - SCADENZE, CALCOLO E METODI DI PAGAMENTO

BOLLO 2019

BOLLO 2019 – SCADENZE, CALCOLO E METODI DI PAGAMENTO Alle soglie del 2019 vedremo come funziona il calcolo del Bollo, come poterlo calcolare online in base ai kw, o cavalli fiscali, e alla classe ambientale. La tassa, meglio conosciuta come

Pubblicato il 12 dicembre, 2018