Richiedi preventivo gratuito

L’era delle auto intelligenti è arrivata

Auto intelligenti, sensori e cartelli parlanti: la strada diventa un videogioco. “C’era una volta un’automobile che parlava…”: sembrerebbe l’incipit di una favola e invece si tratta dell’anticipazione di una novità che cambierà per sempre il modo di guidare e vivere

Pubblicato il 3 marzo, 2018

Auto intelligenti, sensori e cartelli parlanti: la strada diventa un videogioco.

“C’era una volta un’automobile che parlava…”: sembrerebbe l’incipit di una favola e invece si tratta dell’anticipazione di una novità che cambierà per sempre il modo di guidare e vivere la strada. I servizi di assistenza alla guida si evolvono e la prospettiva di un vero e proprio dialogo tra le vetture e gli elementi con i quali questa entra in contatto non è più fantascienza. Le grandi case automobilistiche hanno messo a punto anni di studi e ricerche in grado di restituire optional eccezionali che facilitino la guida, ne migliorino le prestazioni e la scorrevolezza, assicurino la sicurezza di tutti gli utenti pedoni in primis.

Tra questi si segnalano: marchingegni in grado di restituire informazioni sulla durata di un semaforo (entro quanto diventerà rosso o quanto tempo manca affinchè sia verde); applicazioni tecnologiche (tra cui l’Audi Traffic Light Information System) in grado di ridurre i consumi e lo stress alla guida; interconnessioni con il web e tra automobili (rispettivamente V2I e V2V).

Le novità riguarderanno anche i segnali stradali indicati su cartelli “parlanti” ossia muniti di microchip capaci di restituire informazioni in tempo reali su questioni quali il traffico, incidenti, deviazioni, condizioni meteorologici e limiti di velocità. Aziende come la Bosch, la Deutsche Telekom e la Nokia stanno tuttora investendo su sperimentazioni basate di sensori e radar in grado di consentire un dialogo tra le automobili vicine così da agevolare i driver nell’individuazione di anomalie o alterazioni di guida nonché aiutarli nella individuazione di parcheggi e spazi di sosta disponibili.

Innovazioni smart analoghe sono finanziate dall’Honda e destinate ad assistere chi percorre le strade a piedi tramite radar e telecamere collocate lungo le strisce pedonali. Infine, la Nissan in collaborazione con l’Enel sta promuovendo da una parte la realizzazione di una rete elettrica intelligente (V2G) capace di caricare l’autovettura solo in condizioni economiche favorevoli di tariffa, dall’altra la realizzazione di una centrale elettrica virtuale ove rivendere l’energia delle batterie in caso di non uso della vettura stessa.

Edit By Stella S.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Noleggio Auto a Lungo Termine a Nuoro

Noleggio Auto a Lungo Termine a Nuoro

Con il Noleggio Auto a Lungo Termine a Nuoro la mobilità ha trovato una soluzione vantaggiosa. Avrete la possibilità di muovervi su veicoli ancora da immatricolare, dotati di ogni comfort, senza essere obbligati all’acquisto. Cosa si intende per noleggio a

Pubblicato il 18 settembre, 2018
Noleggio Auto a Lungo Termine a Cagliari

Noleggio Auto a Lungo Termine a Cagliari

Devi sostituire la tua vecchia auto? La tua famiglia necessita di una seconda vettura? La flotta auto della tua azienda deve essere incrementata? La soluzione per tutti i problemi di mobilità è il Noleggio auto a lungo termine a Cagliari.

Pubblicato il 18 settembre, 2018
Noleggio Auto a Lungo Termine a Taranto

Noleggio Auto a Lungo Termine a Taranto

Il noleggio auto a lungo termine a Taranto è l’evoluzione ai problemi di mobilità. Nessun obbligo d’acquisto ma solo un canone mensile fisso che comprende tuti i costi. In cosa consiste il Noleggio? Con il noleggio auto a lungo termine

Pubblicato il 18 settembre, 2018
Noleggio Auto a Lungo Termine a Lecce

Noleggio Auto a Lungo Termine a Lecce

Perché non noleggiare un veicolo invece di pagare un finanziamento? Il noleggio auto a lungo termine a Lecce è la soluzione per tutti i problemi di mobilità. Cos’è il noleggio auto a lungo termine? L’acquisto di un’auto nuova vi scoraggia

Pubblicato il 18 settembre, 2018