Richiedi preventivo gratuito

Dieselgate: Audi sotto indagine

Ipotesi di reato di truffa Dieselgate –  L’episodio che stiamo per analizzare è legato al grande scandalo chiamato Dieselgate, scoppiato nell’ormai lontano Settembre 2015. Dieselgate o lo ‘scandalo sulle emissioni’ ha riguardato allora la scoperta della falsificazione delle emissioni di vetture

Pubblicato il 13 febbraio, 2018

Ipotesi di reato di truffa

Dieselgate –  L’episodio che stiamo per analizzare è legato al grande scandalo chiamato Dieselgate, scoppiato nell’ormai lontano Settembre 2015.

Dieselgate o lo ‘scandalo sulle emissioni’ ha riguardato allora la scoperta della falsificazione delle emissioni di vetture munite di motore diesel, vendute negli USA e in Europa. Il software della centralina veniva infatti appositamente modificato per essere in grado di superare i test di omologazione. In questo modo il veicolo migliorava le prestazioni, a discapito dei vincoli ambientali. Ora nuove sedi sono sotto indagine: si tratta delle due principali sedi dell’Audi, Ingolstadt e Neckarsulm. Entrambe sono infatti state oggetto di perquisizioni ordinate dalla magistratura di Monaco di Baviera. Le indagini in corso riguardano ad oggi la regolarità di circa 210.000 veicoli venduti in Europa.

L’ipotesi di reato è dunque sempre la stessa: il dubbio se le auto vendute fossero dotate o meno di dispositivi irregolari che permettevano di superare i suddetti test di omologazione. Queste indagini sono avvenute ufficialmente pochi giorni fa. Dapprima le indagini riguardavano solamente le auto vendute negli Usa, ora l’attenzione si è spostata sulle auto vendute in Europa.

L’Audi si starà forse iniziando a preoccupare? Dopo più di due anni, stiamo ancora parlando dello scandalo Dieselgate, uno scandalo vergognoso, specialmente se pensiamo a quante auto, a quanti fornitori cercano continuamente di inventare nuovi modi e nuove vetture per ‘proteggere l’ambiente’. Mi viene da pensare e da dire, che purtroppo attendiamo novità su questi avvenimenti, sperando che si concludano finalmente le truffe che non solo vanno a discapito delle aziende, ma soprattutto riguardano tutti noi, l’ambiente, il mondo nel quale viviamo. Si tratta sempre e solo di vendere. Possiamo appellarci anche al buonsenso degli acquirenti, che possano essi decidere di non finanziare più tali truffe, di informarsi prima e di stare in guardia.

Una risposta ad ogni domanda

Karina G.

 Fonte Video : AltroConsumo.it

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019