Richiedi preventivo gratuito

Multe: come risparmiare

Regole del codice stradale in continua evoluzione, facciamo un po’ di chiarezza! Multe: come risparmiare – Settanta decreti a partire dal lontano 1993. Modalità di pagamento e normative in continuo cambiamento. È del tutto naturale che l’automobilista possa cadere in

Pubblicato il 14 marzo, 2018

Regole del codice stradale in continua evoluzione, facciamo un po’ di chiarezza!

Multe: come risparmiare – Settanta decreti a partire dal lontano 1993. Modalità di pagamento e normative in continuo cambiamento. È del tutto naturale che l’automobilista possa cadere in errore. Esistono infatti sconti, di cui probabilmente molti non sono neanche al corrente. Dunque, cerchiamo ora e qui, di fare un punto della situazione, poiché stiamo parlando di risparmio, e il risparmio non è mai un argomento da prendere sotto gamba!

Partiamo dunque dalla possibilità di avere uno sconto: Chi riceve una multa, può ottenere uno sconto del 30%, se salda il pagamento entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica (se il verbale prevede la confisca dell’auto, o il ritiro della patente, non si ha diritto ad alcuno sconto). Qualche parola ora, sul ricorso: Entro 30 giorni dalla ricevuta contestazione o notifica, si può ricorrere al Giudice di Pace competente per la città in cui è avvenuta la violazione (pagando una tassa di € 43), entro 60 giorni invece, si può ricorrere gratuitamente al prefetto (ma se si perde, l’ammenda raddoppia).

Quando si prende una multa attraverso l’Autovelox, invece, si possono richiedere i dati per ufficializzare la taratura dell’autovelox (che, se non tarato una volta all’anno, può ‘sbagliare’). Dunque, se l’Autovelox risulta non tarato da più di un anno, con il ricorso al prefetto (Ufficio Territoriale appartenente), la vittoria della causa è assicurata! Questo è tutto quel che riguarda la possibilità di risparmiare, o di evitare di pagare le multe. Molto spesso, chi è convinto di trovarsi dalla parte del giusto, non sa come approcciarsi alla questione ed evita di farlo, pagando la multa.

Un modo invece esiste, nonostante sia vagamente complicato, esso potrebbe evitarci sborsamenti inutili. (Inoltre.. il 30% di sconto entro i cinque giorni, non è di certo sottovalutabile!)

Una risposta ad ogni domanda

Karina G.

Potrebbero interessarti
anche questi articoli

Fiat Centoventi: Tante idee innovative che aumentano il benessere dei passeggeri!

Fiat Centoventi: Un elettrica dalle infinite soluzioni Un prototipo per la Panda Debutta al Salone di Ginevra 2019 un nuovo prototipo di citycar a cinque porte targato Fiat, ovvero la Fiat Centoventi che celebra, appunto, i 120 anni di produzione

Pubblicato il 12 marzo, 2019
piattaforma sulle batterie UE

UE: Nasce una piattaforma sulle batterie

Accumulatori, o batterie: come l’Europa cerca di consolidare questo settore in così forte espansione. L’Europa cerca di non rimanere indietro Al giorno d’oggi le batterie, o gli accumulatori rappresentano un settore fondamentale. Sono infatti l’elemento cruciale della corsa per le

Pubblicato il 4 marzo, 2019
Autostrade per l'Italia: Continua il caso Tutor

Autostrade per l’Italia: Tutor, se ne parla ancora!

Autostrade per l’Italia: Novità sul caso ‘Tutor’ che si trascina ormai da anni, arriva una nuova sentenza dal tribunale. Un caso che seguiamo da tempo Autostrade per l’Italia – Si parla di tutor ancora una volta. La storia è iniziata

Pubblicato il 15 gennaio, 2019

Legge Bilancio 2019: controversie, domande e chiarimenti

Legge Bilancio 2019 – Ibride ed elettriche nelle Ztl? Nelle aree pedonali? Facciamo un po’ di chiarezza Legge Bilancio, per chi? Come? La legge Bilancio 2019 stabilisce che le auto ibride ed elettriche possono entrare nelle zone Ztl. Partono subito

Pubblicato il 15 gennaio, 2019